dcsimg

Hieracium bifidum ( Italian )

provided by wikipedia IT

Lo sparviere inciso (nome scientifico Hieracium bifidum Kit. ex Hornem., 1815) è una pianta erbacea spermatofita dicotiledone della famiglia delle Asteraceae.

Etimologia

Il nome generico (Hieracium) deriva dalla parola greca hierax o hierakion (= sparviere, falco). Il nome del genere è stato dato dal botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656 - 1708) rifacendosi probabilmente ad alcuni scritti del naturalista romano Gaio Plinio Secondo (23 - 79) nei quali, secondo la tradizione, i rapaci si servivano di questa pianta per irrobustire la loro vista.[1][2] Il nome specifico (bifidum) deriva dal latino e significa "separato", "diviso in due" e fa probabilmente riferimento al fusto che in genere è forcato.[3]
Il binomio scientifico della pianta di questa voce è stato proposto inizialmente dal botanico danese Jens Wilken Hornemann (1770-1841) e perfezionato successivamente dal botanico e chimico ungherese Paul Kitaibel (1757-1817), nella pubblicazione "Hortus Regius Botanicus Hafniensis. In Usum Tyronum et Botanophilorum. Hauniae [Copenhagen] - 2: 761" del 1815.[4]

Descrizione

Questa pianta può raggiungere una altezza compresa tra 2 - 5 dm. La forma biologica è emicriptofita rosulata (H ros), ossia in generale sono piante erbacee, a ciclo biologico perenne, con gemme svernanti al livello del suolo e protette dalla lettiera o dalla neve e hanno le foglie disposte a formare una rosetta basale. Possono anche essere considerate emicriptofite scapose (H scap) in quanto spesso hanno l'asse fiorale eretto e privo di foglie. Queste piante sono provviste di lattice (i vasi latticiferi sono anastomizzati) e vengono definite di tipo "fillopode" in quanto le foglie basali formano una rosetta e sono presenti alla fioritura. Inoltre i peli di questa pianta non sono piumosi.[5][6]

Radici

Le radici sono secondarie da rizoma.[7]

Fusto

  • Parte sotterranea: la parte sotterranea del fusto consiste in un rizoma obliquo privo di stoloni.
  • Parte aerea: la parte aerea del fusto è eretta, più o meno glabra (pochi peli stellati); è ramosa (2 - 3 forcazioni) nella parte superiore del fusto con 2 - 3 capolini (a volte uno solo, a volte fino a 8) in formazioni corimbose. L'acladio (la parte del fusto compresa tra il capolino e la prima ramificazione sottostante) è in genere abbastanza allungata.

Foglie

Le foglie si dividono in basali e cauline. Le foglie basali, poco numerose (da 4 a 7), con picciolo lungo più o meno come la lamina, formano una ampia rosetta. La forma della lamina è da lanceolata a ovata; la base della foglia è tronca o (più raramente) è ottusa o acuta (può essere anche cuoriforme); l'apice è ottuso o acuminato; ai margini sono presenti 1 - 2 denti profondamente incisi, posizionati alla base della foglia. La superficie delle foglie è colorata di verde o più o meno glaucescente o anche violacea, ed è ricoperta da abbondanti setole. Le foglie cauline, disposte in modo alterno, possono essere mancanti o al massimo sono 1 - 2 a forma lineare (lunghezza 1 cm). Dimensione delle foglie basali: larghezza 2 – 4 cm; lunghezza 4 – 9 cm.

Infiorescenza

Le infiorescenze sono composte da grandi capolini peduncolati. Il peduncolo è ricoperto da abbondanti peli stellati e pochi peli semplici. I capolini sono formati da un involucro cilindrico composto da brattee (o squame) disposte su 2 - 4 serie (interne ed esterne) in modo embricato, all'interno delle quali un ricettacolo fa da base ai fiori tutti ligulati. Le squame dell'involucro hanno una forma acuta e sono prive di peli ghiandolari, sono presenti invece abbondanti peli semplici (o stellati) e irti. Il ricettacolo, nudo, cioè privo di pagliette a protezione della base dei fiori, è provvisto di fossette appena dentellate sul bordo. Diametro del capolino (all'antesi): 2 – 3 cm. Lunghezza dell'involucro: 9 – 11 mm.

Fiore

I fiori sono tutti del tipo ligulato[8] (il tipo tubuloso, i fiori del disco, presente nella maggioranza delle Asteraceae, qui è assente), sono tetra-ciclici (ossia sono presenti 4 verticilli: calicecorollaandroceogineceo) e pentameri (ogni verticillo ha 5 elementi). I fiori sono ermafroditi e zigomorfi.

  • Formula fiorale: per questa pianta viene indicata la seguente formula fiorale:
* K 0/5, C (5), A (5), G (2), infero, achenio[9]
  • Calice: i sepali del calice sono ridotti ad una coroncina di squame.
  • Corolla: la corolla è colorata di giallo. I dentelli apicali sono privi di ciglia. Dimensioni delle ligule: larghezza 1,5 mm; lunghezza 15 mm.
  • Androceo: gli stami sono 5 con filamenti liberi, mentre le antere sono saldate in un manicotto (o tubo) circondante lo stilo.[10] Le antere alla base sono acute.
  • Gineceo: lo stilo giallo (o più o meno scuro) è filiforme e peloso sul lato inferiore; gli stigmi dello stilo sono due divergenti. L'ovario è infero uniloculare formato da 2 carpelli. La superficie stigmatica è interna.[6]
  • Fioritura: da (giugno) luglio ad agosto.

Frutti

I frutti sono degli acheni con pappo. Gli acheni scuri (3 - 3,5 mm) a forma colonnare-obconica sono ristretti alla base (e ingrossati all'apice), mentre la superficie (liscia o appena rugosa) è provvista di 10 coste che nella parte apicale confluiscono in un orlo anulare. Il pappo è formato da setole semplici, color bianco sporco, disposte su due serie (quelle interne sono più lunghe e più rigide, quelle esterne sono fragili).

Riproduzione

  • Impollinazione: l'impollinazione avviene tramite insetti (impollinazione entomogama).
  • Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra).
  • Dispersione: i semi cadendo a terra (dopo essere stati trasportati per alcuni metri dal vento per merito del pappo – disseminazione anemocora) sono successivamente dispersi soprattutto da insetti tipo formiche (disseminazione mirmecoria).

Distribuzione e habitat

 src=
Distribuzione della pianta
(Distribuzione regionale[11] – Distribuzione alpina[12])

Fitosociologia

Dal punto di vista fitosociologico la sottospecie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale:[12]

Formazione : comunità delle praterie rase dei piani subalpino e alpino con dominanza di emicriptofite
Classe : Elyno-Seslerietea variae
Ordine : Seslerietalia variae
Alleanza : Seslerion variae

Sistematica

La famiglia di appartenenza del Hieracium bifidum (Asteraceae o Compositae, nomen conservandum) è la più numerosa del mondo vegetale e comprende oltre 23000 specie distribuite su 1535 generi[14] (22750 specie e 1530 generi secondo altre fonti[15]). All'interno della famiglia il genere Hieracium fa parte della sottofamiglia Cichorioideae (una delle 12 sottofamiglie nella quale è stata suddivisa la famiglia Asteraceae); mentre Cichorieae è una delle 7 tribù della sottofamiglia, e la sottotribù Hieraciinae è una dell 11 sottotribù di Cichorieae.[16] H. bifidum appartiene a un genere estremamente polimorfo con maggioranza di specie apomittiche. Di questo genere sono descritte circa 770 specie sessuali e oltre 5200 specie apomittiche[17], delle quali circa 250 e più sono presenti nella flora spontanea italiana.
Hieracium bifidum fa parte del sottogenere Hieracium (sinonimo: Euhieracium). È il sottogenere più numeroso distribuito in Eurasia e nel Nord America.[5]
Il numero cromosomico di H. bifidum è: 2n = 27[18] e 2n = 36[19] Sono presenti specie diploidi, triploidi e tetraploide.[20]

Polimorfia

La specie di questa voce è a capo di un gruppo polimorfo (la maggioranza delle specie di questo gruppo sono apomittiche). Alcuni taxon (circa 105) sono sottospecie o varietà di H. bifidum, altri (circa 70) sono considerati aggregati (o inclusi), e altri ancora sono considerati "intermediari" (o impropriamente ibridi in quanto queste specie essendo apomittiche non si incrociano e quindi non danno prole feconda) con altre specie. A causa di ciò si pongono dei problemi di sistematica quasi insolubili e per avere uno sguardo d'insieme su questa grande variabilità può essere necessario assumere un diverso concetto di specie. Nella "Flora d'Italia" sono proposte due nuove unità tassonomiche: (1) gruppo-cardinale (insieme di forme elementari di singole serie evolutive come le specie o le agamospecie con proprie combinazioni di caratteri morfologici); (2) gruppo-intermediario (insieme di specie o agamospecie che riuniscono i caratteri morfologici di due o più gruppi-cardinali).[5]

Sottospecie

Per questa specie sono riconosciute oltre 100 sottospecie, alcune delle quali sono presenti nella flora spontanea italiana. Differiscono per il tipo di pubescenza oppure per la forma della foglie (ad esempio sono vellutate su entrambe le facce come la subsp. psammogenes, oppure il contorno è strettamente lanceolato con dentatura poco profonda come la subsp. pseudodollineri).[5] Il seguente elenco indica per ogni sottospecie l'Autore con l'anno di pubblicazione e la distribuzione euro-mediterranea:[21][22]

Specie incluse

Le seguenti specie sono "incluse" nel gruppo del Hieracium bifidum:[21][22]

Intermediari (o ibridi)

Sandro Pignatti nella Flora d'talia descrive alcuni intermediari con altri gruppi (lachenalii, villosum e altri):[5]

Intermedio: la specie con la quale si ibrida è Hieracium lachenalii Suter.
Sistematica: H. caesium è a capo di un gruppo distribuito in tutta Europa con 21 sottospecie e circa 60 specie.[23]
Descrizione: (H. caesium è più simile alla specie H. bifidum che a H. lachenalii)
foglie: le foglie basali hanno un contorno lanceolato con una dentatura superficiale; le foglie cauline sono più numerose (3 - 8);
infiorescenza: l'involucro è ricoperto da abbondanti peli ghiandolari;
Distribuzione: in Italia è considerata una specie rara e si trova nelle Alpi e in Abruzzo a quote comprese tra 1500 e 2200 m s.l.m..
Sinonimo: H. incisum Hoppe (nella "Flora d'Italia").
Intermedio: la specie con la quale si ibrida è Hieracium villosum Jacq., 1762.
Sistematica: H. pallescens Waldst. & Kit., 1806 è a capo di un gruppo distribuito in tutta Europa centrale con circa 50 sottospecie.[24]
Descrizione: (H. pallescens è più simile alla specie H. bifidum che a H. villosum)
habitus: tutta la pianta è abbondantemente ricoperta da peli e setole in ogni parte;
infiorescenza: i capolini sono più grandi e l'involucro raggiunge i 15 mm di lunghezza;
Distribuzione: in Italia si trova nelle Alpi (specie comune) e nel Centro-Sud (specie rara) a quote comprese tra 1500 e 2200 m s.l.m..
Intermedio: la specie con la quale si ibrida è Hieracium piliferum Hoppe, 1799.
Sistematica: H. cirrhitum è a capo di un gruppo distribuito in tutta Europa occidentale (Penisola Iberica esclusa) con 13 sottospecie.[25]
Descrizione: (H. cirrhitum è più simile alla specie H. bifidum che a H. piliferum)
foglie: il contorno delle foglie è più ovato con dentatura superficiale;
infiorescenza: l'involucro è ricoperto più o meno abbondantemente da peli ghiandolari;
Distribuzione: in Italia si trova nelle Alpi (è una specie rara) e forse nell'Abruzzo a quote comprese tra 1000 e 2000 m s.l.m..
Intermedio: la specie con la quale si ibrida è Hieracium humile Jacq., 1776.
Sistematica: H. subcaesiiforme è una specie alpina con 2 sottospecie.[26]
Distribuzione: in Italia (Alpi occidentali) si trova raramente.

Sinonimi/Nomi non validi

Sinonimi

Questa entità ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco seguente indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:[13]

  • Hieracium ammobium P. D. Sell & C. West (sinonimo della sottospecie psammogenes)
  • Hieracium aurorinii Üksip (sinonimo della sottospecie caesiiflorum)
  • Hieracium basicuneatum (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie basicuneatum)
  • Hieracium bifidum subsp. caloldenense
  • Hieracium bifidum subsp. duplicatodentatum
  • Hieracium bifidum subsp. laceridentifrons
  • Hieracium bifidum subsp. incisifolium Zahn (sinonimo della sottospecie sinuosifrons)
  • Hieracium bifidum subsp. inflaticeps
  • Hieracium bifidum subsp. irmischianum Schack & Zahn (sinonimo della sottospecie maculosiforme)
  • Hieracium bifidum subsp. melanochloreilema
  • Hieracium bifidum subsp. merianum Zahn (sinonimo della sottospecie subtenuiflorum)
  • Hieracium bifidum subsp. mesopsis
  • Hieracium bifidum subsp. nicaeanum Zahn (sinonimo della sottospecie nicaeense)
  • Hieracium bifidum subsp. perlepidum Zahn (sinonimo della sottospecie lepidum)
  • Hieracium bifidum subsp. prolixum (Norrl.) Zahn (sinonimo della sottospecie submaculosum)
  • Hieracium bifidum subsp. pseudocanitiosiforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudocardiobasiforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudodollineriforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudodontophyton
  • Hieracium bifidum subsp. subcaesiiceps Zahn (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium bifidum subsp. subincisiforme Zahn (sinonimo della sottospecie subcanescentiforme)
  • Hieracium bifidum subsp. subprasinescens Zahn (sinonimo della sottospecie prasinescens)
  • Hieracium bifidum var. bifidum
  • Hieracium bifidum var. taraxacifolium Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie taraxaciforme)
  • Hieracium caesiiflorum Norrl. (sinonimo della sottospecie caesiiflorum)
  • Hieracium caesium subsp. dolomiticum (Willk.) Zahn (sinonimo della sottospecie dolomiticum)
  • Hieracium caesium subsp. lepidum (Arv.-Touv.) Zahn (sinonimo della sottospecie lepidum)
  • Hieracium caesium subsp. psammogenes Zahn (sinonimo della sottospecie psammogenes)
  • Hieracium caesium subsp. pseudoligocephalum Zahn (sinonimo della sottospecie canitiosum)
  • Hieracium caesium subsp. pseudopraecox Zahn (sinonimo della sottospecie pseudopraecox)
  • Hieracium canitiosum Malme (sinonimo della sottospecie canitiosum)
  • Hieracium cardiobasis (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie cardiobasis)
  • Hieracium carnosum subsp. eriopodoides Zahn (sinonimo della sottospecie eriopodoides)
  • Hieracium carnosum subsp. pseudodollineri Murr & Zahn (sinonimo della sottospecie pseudodollineri)
  • Hieracium consociatum Holle (sinonimo della sottospecie hollei)
  • Hieracium coriifolium (Arv.-Touv.) Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie coriifolium)
  • Hieracium delicatulum Murr (sinonimo della sottospecie pseudopsammogenes)
  • Hieracium dolomiticum Willk. (sinonimo della sottospecie dolomiticum)
  • Hieracium eriopodoides (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie eriopodoides)
  • Hieracium eriopodioides var. molliceps Murr & Zahn (sinonimo della sottospecie submolliceps)
  • Hieracium erucoides Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie erucoides)
  • Hieracium kittaniae Vladimirov (sinonimo della sottospecie kittaniae)
  • Hieracium incisum auct. non Hoppe
  • Hieracium incisum subsp. laceridens Zahn (sinonimo della sottospecie laceridens)
  • Hieracium incisum subsp. senile (Arv.-Touv.) Zahn (sinonimo della sottospecie senile)
  • Hieracium incisum subsp. seniliforme Zahn (sinonimo della sottospecie seniliforme)
  • Hieracium lepidum Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie lepidum)
  • Hieracium lonchopodum (Zahn) Schljakov (sinonimo della sottospecie lonchopodumm)
  • Hieracium maculosum Dahlst. (sinonimo della sottospecie maculosum)
  • Hieracium megalotomum (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie megalotomum)
  • Hieracium murorum subsp. prolixum (Norrl.) Zahn (sinonimo della sottospecie submaculosum)
  • Hieracium obscurisquamum (Zahn) Schuhw. (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium oligocephalum Dichtl (sinonimo della sottospecie canitiosum)
  • Hieracium oreites Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie oreites)
  • Hieracium perlepidum Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie lepidum)
  • Hieracium peltifolium Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie peltifolium)
  • Hieracium prolixum Norrl. (sinonimo della sottospecie submaculosum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn (sinonimo della sottospecie psammogenes)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. laceridens (Zahn) Zahn (sinonimo della sottospecie laceridens)
  • Hieracium psammogenes subsp. leucolepidum (Zahn) Zahn (sinonimo della sottospecie psammogenes)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. megalotomum Zahn (sinonimo della sottospecie megalotomum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. monobrachion Degen & Zahn (sinonimo della sottospecie monobrachion)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. obscurisquamum (Zahn) Touton (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. oreites (Arv.-Touv.) Zahn (sinonimo della sottospecie oreites)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. oreitiforme Zahn (sinonimo della sottospecie oreitiforme)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. senile (Arv.-Touv.) Zahn (sinonimo della sottospecie senile)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. subcaesiifloriforme Zahn (sinonimo della sottospecie subcaesiifloriforme)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. subpleiotrichum Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn subsp. subtenuiflorum Zahn (sinonimo della sottospecie subtenuiflorum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn var. basicuneatifolium Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie basicuneatifolium)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn var. obscurisquamum Zahn (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium psammogenes (Zahn) Zahn var. pseudobasicuneatum Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie pseudobasicuneatum)
  • Hieracium psammogeniceps (Dalla Torre & Sarnth.) Prain (sinonimo della sottospecie pseudodollineri)
  • Hieracium psammogenitropum (Dalla Torre & Sarnth.) Prain (sinonimo della sottospecie pseudopsammogenes)
  • Hieracium pseudodollineri (Murr & Zahn) Murr & Zahn (sinonimo della sottospecie pseudodollineri)
  • Hieracium pseudodollineri (Murr & Zahn) Murr & Zahn subsp. acutifrons Murr & Zahn (sinonimo della sottospecie eriopodoides)
  • Hieracium pseudodollineri (Murr & Zahn) Murr & Zahn subsp. psammogeniceps Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie pseudodollineri)
  • Hieracium pseudodollineri (Murr & Zahn) Murr & Zahn subsp. psammogenitropum Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie pseudopsammogenes)
  • Hieracium pseudopraecox (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie pseudopraecox)
  • Hieracium pseudopsammogenes Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie pseudopsammogenes)
  • Hieracium pseudopsammogenes Dalla Torre & Sarnth. subsp. pseudosemisilvaticum Dalla Torre & Sarnth. (sinonimo della sottospecie pseudosemisilvaticum)
  • Hieracium saxifragum f. indivium Wiesb. (sinonimo della sottospecie saxigenum)
  • Hieracium scandinaviorum (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie scandinaviorum)
  • Hieracium scutatum Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie scutatum)
  • Hieracium seniliforme (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie seniliforme)
  • Hieracium sinuosifrons (Dahlst.) Dahlst. (sinonimo della sottospecie sinuosifrons)
  • Hieracium stenolepis Lindeb. (sinonimo della sottospecie stenolepis)
  • Hieracium subincisum subsp. leucolepidum Zahn (sinonimo della sottospecie psammogenes)
  • Hieracium subincisum var. senile Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie senile)
  • Hieracium submaculosum (Dahlst.) Prain (sinonimo della sottospecie submaculosum)
  • Hieracium subpleiotrichum (Dalla Torre & Sarnth.) Prain (sinonimo della sottospecie obscurisquamum)
  • Hieracium sylvaticum subsp. canitiosum (Malme) Dahlst. (sinonimo della sottospecie canitiosum)
  • Hieracium sylvaticum subsp. sinuosifrons Dahlst. (sinonimo della sottospecie sinuosifrons)
  • Hieracium sylvaticum subsp. submaculosum Dahlst. (sinonimo della sottospecie submaculosum)
  • Hieracium sylvaticum f. subsagittatum Zahn (sinonimo della sottospecie subsagittatum)
  • Hieracium taraxaciforme Arv.-Touv. (sinonimo della sottospecie taraxaciforme)
  • Hieracium uriense (Zahn) Prain (sinonimo della sottospecie uriense)
  • Hieracium wallrothianum Bornm. & Zahn (sinonimo della sottospecie wallrothianum)

Nomi non validi

L'elenco seguente indica alcuni nominativi scientifici non più validi (tra parentesi è indicata la specie di riferimento):[21][27]

  • Hieracium bifidum subsp. acidotoides (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium acidotoides (Dahlst.) Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. acidotum (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium acidotum Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. aggregatum (Backh.f.) Zahn (sinonimo di Hieracium aggregatum Backh.f.)
  • Hieracium bifidum subsp. albidulum (T.Durand & B.D.Jacks.) Zahn (sinonimo di Hieracium albidulum T.Durand & B.D.Jacks.)
  • Hieracium bifidum subsp. anguinum (W.R.Linton) Zahn (sinonimo di Hieracium anguinum (W.R.Linton) Roffey)
  • Hieracium bifidum subsp. caesionigrescens (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium caesionigrescens Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. caesitiifolium (Norrl.) Zahn (sinonimo di Hieracium caesitiifolium Norrl.)
  • Hieracium bifidum subsp. caloldenense
  • Hieracium bifidum subsp. christianiense Zahn (sinonimo di Hieracium caesitium (Norrl.) Brenner)
  • Hieracium bifidum subsp. cordigerum (Norrl.) Zahn (sinonimo di Hieracium cordigerum (Norrl.) Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. crebridens (F.N.Williams) Zahn (sinonimo di Hieracium crebridens Dahlst. ex F.N.Williams)
  • Hieracium bifidum subsp. crispans (H.Lindb.) Zahn (sinonimo di Hieracium crispulum Norrl.)
  • Hieracium bifidum subsp. cymbifolium (Purchas) Zahn (sinonimo di Hieracium cymbifolium Purchas)
  • Hieracium bifidum subsp. duplicatodentatum
  • Hieracium bifidum subsp. duriceps (F.Hanb.) Zahn (sinonimo di Hieracium duriceps F.Hanb.)
  • Hieracium bifidum subsp. ellipsoideum (Wiinst.) Zahn (sinonimo di Hieracium ellipsoideum Wiinst.)
  • Hieracium bifidum subsp. gelertii (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium gelertii Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. halsicum (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium halsicum Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. inflaticeps
  • Hieracium bifidum subsp. laceridentifrons
  • Hieracium bifidum subsp. macropholidium (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium macropholidium (Dahlst.) Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. melanochloreilema
  • Hieracium bifidum subsp. mesopsis
  • Hieracium bifidum subsp. moeanum (Lindeb.) Zahn (sinonimo di Hieracium moeanum Lindeb.)
  • Hieracium bifidum subsp. multifrons (Brenner) Zahn (sinonimo di Hieracium multifrons Brenner)
  • Hieracium bifidum subsp. nicaeanum Zahn (sinonimo di Hieracium bifidum subsp. nicaeense Zahn)
  • Hieracium bifidum subsp. oioënse (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium oioense (Dahlst.) Üksip ex Üksip)
  • Hieracium bifidum subsp. oxyodus (W.R.Linton) Zahn (sinonimo di Hieracium longilobum (Zahn) Roffey)
  • Hieracium bifidum subsp. pendulum (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium pendulum (Dahlst.) Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. phalarograptum Zahn (sinonimo di Hieracium phalarograptum (Zahn) Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. pinnigerum (Omang) Zahn (sinonimo di Hieracium pinnigerum Omang)
  • Hieracium bifidum subsp. pseudocanitiosiforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudocardiobasiforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudodollineriforme
  • Hieracium bifidum subsp. pseudodontophyton
  • Hieracium bifidum subsp. pseudosetigeriforme Touton (sinonimo di Pilosella crassiseta (Peter) Soják)
  • Hieracium bifidum subsp. semiprolixum (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium semiprolixum Dahlst.)
  • Hieracium bifidum subsp. subcaesium (Fr.) Hayek (sinonimo di Hieracium subcaesium (Fr.) Lindeb.)
  • Hieracium bifidum subsp. subcyaneum (W.R.Linton) Zahn (sinonimo di Hieracium subcyaneum (W.R.Linton) Pugsley)
  • Hieracium bifidum subsp. sublividum (Dahlst.) Zahn (sinonimo di Hieracium sublividum (Dahlst.) Johanss.)
  • Hieracium bifidum subsp. subtenue (W.R.Linton) Zahn (sinonimo di Hieracium subtenue (W.R.Linton) Roffey)
  • Hieracium bifidum subsp. tricolorans Zahn (sinonimo di Hieracium tricolorans (Zahn) Pugsley)
  • Hieracium bifidum subsp. virelliceps (Norrl.) Zahn (sinonimo di Hieracium virelliceps Norrl.)
  • Hieracium bifidum var. subcinereum Arv.-Touv. & Gaut. (sinonimo di Hieracium hypochoeroides subsp. subcinereum (Arv.-Touv. & Gaut.) Greuter)
  • Hieracium bifidum var. violaceum Lindeb. (sinonimo di Hieracium caesium subsp. violaceum (Lindeb.) Zahn)

Note

  1. ^ Motta 1960, Vol. 2 - pag. 454.
  2. ^ Botanical names, su calflora.net. URL consultato il 16-agosto-2013.
  3. ^ Botanical names, su calflora.net. URL consultato il 18-settembre-2013.
  4. ^ The International Plant Names Index, su ipni.org. URL consultato il 18-settembre-2013.
  5. ^ a b c d e Pignatti 1982, Vol. 3 - pag. 301.
  6. ^ a b Judd 2007, pag. 523.
  7. ^ Catalogazione floristica - Università di Udine, su flora.uniud.it. URL consultato il 21-settembre-2013.
  8. ^ Pignatti 1982, Vol. 3 - pag. 12.
  9. ^ Tavole di Botanica sistematica, su dipbot.unict.it. URL consultato il 20 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  10. ^ Pignatti 1982, Vol. 3 - pag. 1.
  11. ^ Conti et al. 2005, pag. 106.
  12. ^ a b c d Aeschimann et al. 2004, Vol. 2 - pag. 692.
  13. ^ a b Global Compositae Checklist, su compositae.landcareresearch.co.nz. URL consultato il 21-settembre-2013.
  14. ^ Judd 2007, pag. 520.
  15. ^ Strasburger 2007, pag. 858.
  16. ^ Funk & Susanna, pag. 348.
  17. ^ Kilian 2009, pag. 354.
  18. ^ Tropicos Database, su tropicos.org. URL consultato il 21-settembre-2013.
  19. ^ Jindřich Chrtek, Patrik Mráz & Michal Severa, Chromosome numbers in selected species of Hieracium s. str.(Hieracium subgen. Hieracium) in the Western Carpathians (PDF), in Preslia, Praha, 76: 119–139, 2004.
  20. ^ Patrik Mraz & Karol Marhold, Neotypification of the Name Hieracium bifidum KIT. ex HORNEM. (PDF), in Phyton (Horn, Austria) - Vol. 42 - Fasc. 1 - 117-124 - 29. 7. 2002.
  21. ^ a b c EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 18-settembre-2013.
  22. ^ a b Cichorieae Portal, su wp6-cichorieae.e-taxonomy.eu. URL consultato il 20-settembre-2013.
  23. ^ EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 19-settembre-2013.
  24. ^ EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 19-settembre-2013.
  25. ^ EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 19-settembre-2013.
  26. ^ EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 19-settembre-2013.
  27. ^ Global Compositae Checklist, su compositae.landcareresearch.co.nz. URL consultato il 22-settembre-2013.

Bibliografia

  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae (PDF), in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009, pp.171-189.
  • Panero, J. L., and V. A. Funk, The value of sampling anomalous taxa in phylogenetic studies: major clades of the Asteraceae revealed (PDF), in Mol. Phylogenet. Evol. 2008; 47: 757-782.
  • Norbert Kilian, Birgit Gemeinholzer and Hans Walter Lack, Cichorieae Cap.24 (PDF), in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009, pp.343-383.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume terzo, Bologna, Edagricole, 1982, ISBN 88-506-2449-2.
  • Judd S.W. et al, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, ISBN 978-88-299-1824-9.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta., Milano, Federico Motta Editore. Volume 2, 1960, pag. 454.
  • Strasburger E, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, ISBN 88-7287-344-4.
  • Kadereit J.W. & Jeffrey C., The Families and Genera of Vascular Plants, Volume VIII. Asterales. Pag 194, Berlin, Heidelberg, 2007.
  • Cichorieae Portal, su wp6-cichorieae.e-taxonomy.eu, p. Hieracium bifidum, Cichorieae Portal. URL consultato il 5 agosto 2013.

 title=
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autori e redattori di Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia IT

Hieracium bifidum: Brief Summary ( Italian )

provided by wikipedia IT

Lo sparviere inciso (nome scientifico Hieracium bifidum Kit. ex Hornem., 1815) è una pianta erbacea spermatofita dicotiledone della famiglia delle Asteraceae.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autori e redattori di Wikipedia
original
visit source
partner site
wikipedia IT

Jastrzębiec siny ( Polish )

provided by wikipedia POL

Jastrzębiec siny (Hieracium bifidum Kit. ex Hornem.) – gatunek rośliny z rodziny astrowatych. W Polsce jest gatunkiem rzadkim; rośnie w Karpatach, Sudetach i na Wyżynie Krakowsko-Częstochowskiej[2].

Morfologia

Łodyga
Naga, do 35 cm wysokości.
Liście
Liście odziomkowe jajowate, sine, skórkowate, pokryte od spodu włoskami gwiazdkowatymi.
Kwiaty
Zebrane w szare koszyczki długości około 10 mm, pokryte włoskami gwiazdkowatymi oraz prostymi. Ząbki kwiatowe nagie. Okrywa kulista lub jajowata. Łuski okrywy koszyczka ustawione dachówkowato w wielu szeregach. Puch kielichowy 2-rzędowy, złożony z nierównych włosków[3].
Owoc
Niełupka pozbawiona ząbków na szczycie, ucięta i opatrzona pierścieniowatym wałeczkiem.

Biologia i ekologia

Bylina, hemikryptofit. Rośnie na skałach wapiennych. Kwitnie od maja do lipca. Gatunek charakterystyczny związku Seslerio-Festucion duriusculae i zespołu Carici sempervirentis-Festucetum tatrae[4].

Zmienność

Gatunek zróżnicowany na bardzo liczne podgatunki[5]:

  • Hieracium bifidum subsp. basicuneatum (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. bifidum
  • Hieracium bifidum subsp. canitiosum Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. cardiobasis Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. coriifolium (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. dolomiticum (Willk.) Dalla Torre & Sarnth.
  • Hieracium bifidum subsp. eriopodoides (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. erucoides (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. hollei Gottschl.
  • Hieracium bifidum subsp. kittaniae Greuter
  • Hieracium bifidum subsp. laceridens (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. lepidum (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. maculosiforme Schack & Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. maculosum (Dahlst.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. megalotomum (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. monobrachion (Degen & Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. nicaeense Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. obscurisquamum (Zahn) Greuter
  • Hieracium bifidum subsp. oreites (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. oreitiforme (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. peltifolium (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. prasinescens Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. psammogenes (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. pseudodollineri (Murr & Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. pseudoligocephalum (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. pseudopraecox (Zahn) Dalla Torre & Sarnth.
  • Hieracium bifidum subsp. pseudopsammogenes (Dalla Torre & Sarnth.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. pseudosemisilvaticum (Dalla Torre & Sarnth.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. saxigenum Wiesb.
  • Hieracium bifidum subsp. scandinaviorum Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. scutatum (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. senile (Arv.-Touv.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. seniliforme (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. sinuosifrons (Dahlst.) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. subcaesiifloriforme (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. subcanescentiforme Kaeser
  • Hieracium bifidum subsp. submolliceps Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. subsagittatum (Zahn) Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. subtenuiflorum (Zahn) Greuter
  • Hieracium bifidum subsp. taraxacifolium Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. uriense Zahn
  • Hieracium bifidum subsp. wallrothianum (Bornm. & Zahn) Greuter

Ochrona

Roślina umieszczona na Czerwonej liście roślin i grzybów Polski (2006)[6] w grupie roślin narażonych na wyginięcie na izolowanych stanowiskach, poza głównym obszarem występowania (kategoria zagrożenia: [V]).

Przypisy

  1. Stevens P.F.: Angiosperm Phylogeny Website (ang.). 2001–. [dostęp 2010-04-15].
  2. Adam Zając, Maria Zając (red.): Atlas rozmieszczenia roślin naczyniowych w Polsce. Kraków: Pracownia Chorologii Komputerowej Instytutu Botaniki Uniwersytetu Jagiellońskiego, 2001. ​ISBN 83-915161-1-3​.
  3. Szafer W., Kulczyński S., Pawłowski B. Rośliny polskie. Państwowe Wydawnictwo Naukowe, Warszawa 1969;
  4. WładysławW. Matuszkiewicz WładysławW., Przewodnik do oznaczania zbiorowisk roślinnych Polski, Warszawa: Wydawnictwo Naukowe PWN, 2001, ISBN 83-01-13520-4, OCLC 749271059 .
  5. The Plant List [dostęp 2013-11-30].
  6. Red list of plants and fungi in Poland. Czerwona lista roślin i grzybów Polski. Zbigniew Mirek, Kazimierz Zarzycki, Władysław Wojewoda, Zbigniew Szeląg (red.). Kraków: Instytut Botaniki im. W. Szafera, Polska Akademia Nauk, 2006. ISBN 83-89648-38-5.
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autorzy i redaktorzy Wikipedii
original
visit source
partner site
wikipedia POL

Jastrzębiec siny: Brief Summary ( Polish )

provided by wikipedia POL

Jastrzębiec siny (Hieracium bifidum Kit. ex Hornem.) – gatunek rośliny z rodziny astrowatych. W Polsce jest gatunkiem rzadkim; rośnie w Karpatach, Sudetach i na Wyżynie Krakowsko-Częstochowskiej.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Autorzy i redaktorzy Wikipedii
original
visit source
partner site
wikipedia POL

Hieracium bifidum ( Vietnamese )

provided by wikipedia VI

Hieracium bifidum là một loài thực vật có hoa trong họ Cúc. Loài này được Kit. ex Hornem. mô tả khoa học đầu tiên năm 1815.[1]

Chú thích

  1. ^ The Plant List (2010). Hieracium bifidum. Truy cập ngày 4 tháng 6 năm 2013.

Liên kết ngoài

 src= Wikimedia Commons có thư viện hình ảnh và phương tiện truyền tải về Hieracium bifidum  src= Wikispecies có thông tin sinh học về Hieracium bifidum


Bài viết tông cúc Cichorieae này vẫn còn sơ khai. Bạn có thể giúp Wikipedia bằng cách mở rộng nội dung để bài được hoàn chỉnh hơn.
license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia tác giả và biên tập viên
original
visit source
partner site
wikipedia VI

Hieracium bifidum: Brief Summary ( Vietnamese )

provided by wikipedia VI

Hieracium bifidum là một loài thực vật có hoa trong họ Cúc. Loài này được Kit. ex Hornem. mô tả khoa học đầu tiên năm 1815.

license
cc-by-sa-3.0
copyright
Wikipedia tác giả và biên tập viên
original
visit source
partner site
wikipedia VI